IMG_3794

Fornelli Drammatici #7 feat quotidiana.com

by • 26 settembre 2016 • Prima PaginaComments (0)1067

#FORNELLI DRAMMATICI è la nuova rubrica del PimOff che ogni mese vi proporrà ricette e momenti di ‘alta’ cucina pensati e realizzati dagli artisti ospiti al PimOff. Il settimo appuntamento è con quotidiana.com. Paola ci ha preparato un gustosissimo primo di mare: Verace a primavera, mentre Roberto si è occupato del poetico secondo: L’onda lunga del sapore in un cielo azzurro che si specchia nel polpo.

IMG_0284

VERACE A PRIMAVERA
Per preparare questo primo piatto occorrono: spaghetti, vongole, zucchine, aglio, olio, sale e prezzemolo.
Per cominciare lasciare in ammollo le vongole fresche per qualche ora, in modo tale che la sabbia esca del tutto. Per il sughetto tagliare a pezzettini piccoli le zucchine e farle rosolare con un po’ d’olio e sale in una padella per alcuni minuti; nel frattempo bollire l’acqua per la pasta e tagliare il prezzemolo fresco. In un’altra padella mettere a cuocere le vongole con dell’olio e dell’aglio. Cuocere gli spaghetti al dente, scolarli e aggiungere nella padella le vongole, le zucchine e il prezzemolo. Mescolare per bene e servire!

IMG_3796  IMG_3797

L’ONDA LUNGA DEL SAPORE IN UN CIELO AZZURRO CHE SI SPECCHIA NEL POLPO
Per questa ricetta gli ingredienti sono: seppie, gamberoni, patate, menta fresca, sedano, piselli, carote, olio, limone, aceto balsamico, prezzemolo, pepe e sale. Questo piatto è speciale soprattutto per la varietà di ingredienti che Roberto ha usato, ma anche per la composizione e l’originale decorazione del piatto.
Prepare l’olio aromatizzato al pepe, con limone e un goccio di aceto balsamico. Cuocere seppie e gamberoni separatamente. Tagliare poi le seppie striscioline. In una padella cuocere con dell’olio le patate tagliate a cubetti. Sbucciare i piselli, tagliare a pezzettini le carote e il sedano, tritare il prezzemolo e lavare la menta. Dopodiché comporre il piatto: prima le seppie adagiate sul piatto insieme alle verdurine crude, poi le patate, un gamberone, l’olio aromatizzato e una fogliolina di menta. Per ricreare le onde del mare Roberto ha usato dello yogurt bianco con qualche goccia di colorante alimentare azzurro (facilmente reperibile in tutti i supermercati).

Accompagnare i piatti con del vino bianco a piacere e buon appetito!

GUARDA IL VIDEO DELLA RICETTA

 

#FORNELLIDRAMMATICI feat EYAL BROMBERG

Il sesto appuntamento è con EYAL BROMBERG e la sua variante veggy della Shakshuka!

shakshuka    shakshuka-1200x750

La Shakshuka è un piatto molto saporito tipico della cucina israeliana. E’ un piatto speciale, allegro e pieno di profumi che  tra i suoi ingredienti ha cipolla, aglio, pomodori, peperoni, spezie e uova. Un mix di sapori unico che rende appieno il suo significato originale: “mistura”.

Eyal a noi ce lo ha rivisitato in chiave veggy, quindi al posto delle uova ha usato il tofu, insieme ai pomodori, funghi champignon, aglio e cipolla, olio, cumino, peperoncino e coriandolo.

Prendete una padella grande e versateci l’olio e la cipolla e iniziate a farla rosolare; poi unite l’aglio e il peperoncino e fate insaporire il tutto. Aggiungete il tofu sbriciolato e fatelo andare a fuoco lento per qualche minuto, poi fate lo stesso aggiungendo i funghi tagliati a striscioline. Infine aggiungete la polpa di qualche pomodoro, un po’ d’acqua e infine il cumino e il coriandolo.

Mescolate per bene, aggiungete un pizzico di sale e lasciate cuocere avendo cura di mettere la fiamma bassa.  Appena si rapprende può essere servito, insieme a tanto pane per fare la scarpetta e alla mitica salsa tahina! Enjoy!!

IMG_0230

GUARDA IL VIDEO DELLA RICETTA

#FORNELLIDRAMMATICI feat DYNAMIS

IMG_3244  IMG_3243

Maltagliati virtuosi in un circolo vizioso

Come fare i maltagliati ?
Prendi della farina integrale, del sale, 1 uovo, dell’acqua. Ritagliati un po’ di spazio sul tavolo, fai una montagnola con la farina e al centro un piccolo buchino, qui mettici un uovo e il sale e mescola subito fino a che l’uovo non si vede più. Poi a poco a poco aggiungi l’acqua continuando a mescolare. Non appena la farina è stata quasi completamente assorbita dall’acqua, iniziare a lavorare l’impasto con le mani per renderlo il più omogeneo possibile. Se è ancora troppo secco e non si compatta bene aggiungere dell’acqua, altrimenti continuare a lavorarlo finché non diventi una bella pallina (occhio che non deve essere appiccicosa!). Poi con il mattarello stendi la pasta piuttosto sottile e col coltello inventa la forma dei tuoi maltagliati!

Come condirli?
Prendi una carota, una cipolla e dei ceci già cotti. Fai il soffritto con la carota a pezzetti e la cipolla a fettine. Appena il soffritto si dora, aggiungi i ceci e fai rosolare insieme a dell’acqua di cottura della pasta. Se ti piace il sughetto più liquido non fare asciugare troppo l’acqua se no fai altrimenti!

I Maltagliati sono da abbinare ad un buon vino rosso.

IMG_3282
Frittelline di mele e pere

Taglia a fettine 1 pera e 1 mela e falle rosolare per qualche minuto in una padellina con un po’ d’olio. Nel frattempo in una ciotola fai un impasto cremoso con della farina (i Dynamis hanno usato la stessa farina integrale che hanno preso per i maltagliati), un po’ di latte, zucchero, un pizzico di sale, un po’ di succo di limone e 1 uovo. Appena è omogeneo aggiungi anche la frutta e mescola di nuovo. In una padella antiaderente versa abbastanza olio (per friggere) e non appena è caldo versa dentro alcune cucchiaiate di impasto per ottenere delle frittelline non troppo grandi. Falle friggere da un lato e dall’altro e poi mettile su un piatto e asciuga l’olio in più con della carta assorbente. Servi le frittelline con dello sciroppo d’Agave o Miele e della cannella in polvere.

IMG_3287

GUARDA IL VIDEO DELLA RICETTA

 

#FornelliDrammatici#4 Il Risotto Afrodisiaco con Sara Pischedda e Luca Castellano.

IMG_2744

L’idea di fare questo risotto è segretissima, ma ora vi spieghiamo come si fa.
Alzati all’alba e fai il brodo vegetale. Non sai come si fa? Guarda un tutorial. :) Una volta fatto hai tutto il tempo per danzare fino all’ora di pranzo. Poi ti tocca tornare nella cucina del Pim e preparare il soffritto in una padella con cipolla e olio. Appena la cipolla si dora, aggiungi il riso e un po’ alla volta anche il brodo vegetale ‘homemade’. Nel frattempo taglia a cubetti le fragole e lasciane da parte alcune. Appena il riso ha raggiunto la giusta cottura, aggiungi le fragole a cubetti, un bel po’ di parmigiano e lascia mantecare.
Il Risotto Afrodisiaco è pronto da servire su un bel piatto con una bella fragola tagliata a forma di rosa.

IMG_2803 (2)

A questo pranzo si accompagna bene un buon vino bianco, quello che più vi piace! Buon appetito!

GUARDA IL VIDEO DELLA RICETTA!

Fornelli Drammatici#3 Una pasta per “andare in vita” Con Danila Gambettola e Alessandro Ruzzier.
La ricetta nasce ieri pomeriggio, anzi no. Nasce sabato sera sul tram di ritorno per venire qui al PimOff. Seduti sul tram abbiamo ascoltato alcuni ragazzini che si raccontavano la serata appena trascorsa “…beh e voi dove siete andati?” fa uno, e l’altro“ siamo andati in vita!”. Quindi tutti esaltati dalla risposta del ragazzino abbiamo deciso di fare una pasta “per andare in vita”, perciò il giorno dopo abbiamo fatto una camminata dal PimOff all’Esselunga e girando tra le corsie del supermercato siamo incappati in una zucca e abbiamo deciso che quello sarebbe stato l’ingrediente segreto della nostra ricetta per i #fornellidrammatici. (Alessandro Ruzzier)

img_2077

LA RICETTA
Taglia la zucca e mettila in un pentolone a cuocere finché diventi morbidina, in un’altra pentola fai lo stesso con i fagiolini. Non appena queste verdure sono cotte metti sui fornelli l’acqua per la pasta. Nel frattempo in una padella fai il soffritto con un po’ di olio e cipolla e poi ci fai rosolare la salsiccia. Se l’acqua per la pasta ha cominciato a bollire, buttaci dentro i maccheroni, o comunque della pasta corta. Dopodiché aggiungi alla salsiccia le verdure cotte e mescola il tutto finché non otterrai un bel ‘mappazzone’. Infine scola la pasta e condiscila con il sugo appena fatto.
Servi la pasta con un bicchiere di Refosco.

Alessandro Ruzzier consiglia di bere un Pastis come digestivo dopo pranzo 😉

GUARDA IL VIDEO DELLA RICETTA!

 

Fornelli Drammatici#2 Il Pranzo CatastroFrico di Wundertruppe

frico2

Cestini di Frico
Comprare alcuni formaggi in latteria (Montasio e Grana) e farseli grattugiare, poi distendere il tutto sul tavolo della cucina e lasciar “respirare”. (Per accorciare i tempi andare all’Esselunga e comprare una bustina di formaggi già grattugiati). Dopo qualche ora mescolare bene i formaggi, prenderne un paio di cucchiaiate, creare una piccola cialda su un piatto e subito metterlo nel forno a microonde per un paio di minuti. Appena la cialda è calda, estrarla dal forno e delicatamente schiacciarla su un bicchiere capovolto per farle prendere la forma di un cestino.

Polenta
Seguire la ricetta della tipica nonna friulana – altrimenti – comprare una bustina di polenta istantanea e seguire attentamente le istruzioni 😉

Patate lesse e radicchio
Prendere le patate, lavarle bene e metterle in una pentola con l’acqua. Poi aspettare che diventino morbide. Contemporaneamente a questo difficile procedimento, lavare e tagliare il radicchio.

Come assemblare il tutto?
In un piatto porre un cestino di frico con dentro la polenta e un po’ di gorgonzola, mentre attorno disporre alcune foglie di radicchio e una patata lessa.

Da bere: Cabernet Franc (del Friuli)

Et voilà, Pranzo CatastroFrico pronto!

fornelli_wundertruppe

Wundertruppe è un collettivo teatrale nato dalla volontà di Natalie Norma Fella costituito da un gruppo compatto di professionisti la cui formazione eterogenea e le cui attitudini specifiche concorrono a creare, anche in base al progetto, delle combinazioni artistiche sempre nuove.   https://www.facebook.com/wundertruppe/

 GUARDA IL VIDEO DELLE RICETTA!

FORNELLI DRAMMATICI  #special edition
il Pranzo ‘Tristissimo’ di C&C Company

fornelli_cc
Frittata Tristissima
In una ciotola sbattere le uova con del pecorino grattugiato, una spolverata di noce moscata e un pizzico di sale (non troppo che il pecorino è già salato di suo!). Nel frattempo in una padella far dorare la cipolla di Tropea e quando è pronta versare il composto dentro la padella. Dopo pochi minuti, a seconda della cottura della frittata, girarla dall’altra parte per farla cuocere bene. :)

Ratatouille
Tagliare a dadini le melanzane, poi a metà i pomodorini e infine grattugiare le zucchine. In una pentola versare un po’ di olio evo e quando si è scaldato versare tutte le verdure appena preparate. Far cuocere molto a fuoco lento, il risultato sono le verdure molto cotte, quasi spappolate. A discapito dell’apparenza visivamente non bellissima, di questa Ratatouille, il sapore è delizioso! Accompagnare la frittata e la ratatouille con dell’orzo leggero fatto cuocere insieme ad alcune foglie di alloro. Invece nel calice versare un bicchiere di Barbera.

Mele allo zenzero
Togliere il torsolo alle mele, infilarci dentro alcune scorzette di zenzero. Poi bucherellare la buccia e spalmarci sopra un cucchiaino di miele. Mettere nel forno a microonde per qualche minuto. Estrarle e servirle!

GUARDA IL VIDEO DELLE RICETTA!

Fornelli Drammatici#1 con Riccardo Buscarini e Andy Gardiner

img_1394

CREMÈ D’OR (vellutata di zucca con foglie d’oro)

Tagliare a pezzetti la zucca e il porro, poi mettere tutto in una pentola con alcune foglie di alloro e dell’acqua. Lasciare bollire. Quando la verdura è morbida vellutarla delicatamente con il mixer e aggiungere dell’olio evo. Scegliere una scodella esteticamente appagante per servire la vellutata di zucca. Aggiungere una cucchiaiata di panna acida al centro del piatto, grattugiarci sopra del parmigiano e infine prendere una foglia d’oro e posarla dolcemente sulla vellutata.

Il consiglio di Maria: grattugia dello zenzero e aggiungilo alla vellutata 😉

Da bere: un calice di Valpolicella

img_1379

Buon Appetito!

Riccardo Buscarini e Andrew Gardiner sono stati in residenza al PimOff dal 6 al 15 ottobre con il progetto L’età dell’horror. Il lavoro continua con diverse tappe di studio e debutterà nell’autunno 2017.

www.riccardobuscarini.com/

https://www.facebook.com/riccardo.buscarini

 GUARDA IL VIDEO DELLA RICETTA!

Pin It

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>