MISERABILI di Milena Costanzo

PimOff ospita la prima residenza creativa per il nuovo progetto di Milena Costanzo, liberamente ispirato al romanzo francese di Victor Hugo. Dal 16 al 21 ottobre e dal 5 all’11 dicembre 2018, gli artisti coinvolti lavoreranno alla nuova creazione di Miserabili.

MISERABILI
un’ironica atroce poesia
con Milena Costanzo, Rossana Gay, Francesco Pennacchia, Savino Paparella
assistente alla regia Chiara Senesi

foto-1

Ispirato al romanzo classico “I Miserabili” di Victor Hugo, Miserabili è in realtà uno sguardo sul contemporaneo e una lente sulle deformazioni insite nell’animo umano, con tutta la gamma di emozioni che esso comporta.

Un’indagine per un caso di omicidio viene condotta tra misteriosi e grotteschi indizi. Più ci si avvicina alla soluzione del caso e più ci si imbatte in nuovi delitti, all’apparenza minori o solo più insensati e imprevedibili. Tra cupi toni noir, atmosfere fumose e baldorie si accumulano affari e scambi di ogni genere per cercare di sopravvivere ad una miseria dalla quale è impossibile fuggire. Non si vede nessuna luce in fondo al tunnel e, al bagliore delle candele di un sordido locale la voce riverberata di un karaoke parla di fine, in un angolo di strada una donna fuma una sigaretta pensando di cambiare vita, al tavolo di un ufficio un uomo arrotola le maniche della sua camicia bianca tremando di paura. Tutti fanno nuovi tentativi… prima di diventare le nuove vittime del gioco.

GLI ARTISTI COINVOLTI

MILENA COSTANZO ha lavorato molti anni come attrice per Giorgio Barberio Corsetti, Claudio Morganti, Alfonso Santagata, Stephan Braunshweig, Roberto Bacci, Anton Milienin. Contemporaneamente ha messo in scena spettacoli che hanno partecipato a diverse rassegne, festival e concorsi. Nel 2011 ha vinto il Premio Ubu con lo spettacolo Lucido come miglior novità straniera firmato con Roberto Rustioni. Ha collaborato, tra le altre attività, con il centro internazionale di Pontedera e lʼUniversità Bicocca per il progetto Demetra sull’identità di genere. Ha insegnato teatro all’Accademia di danza Dancehaus. Dal 2012 prosegue la sua ricerca lavorando alla trilogia Sexton-Dickinson-Weil dove approfondisce poesia e differenti linguaggi in campo teatrale. Attualmente cura laboratori per attori professionisti.

ROSSANA GAY inizia la sua formazione teatrale all’età di  nove anni frequentando un corso di mimo. Successivamente frequenta la scuola “Studio laboratorio dell’attore” a Milano. Studia inoltre con Ida Marinelli, Naira Gonzales, Marcel Marceau, Davide Iodice e Alfonso Santagata. Dal 2000 entra a far parte stabilmente della compagnia Katzemacher diretta da Santagata. Lavora inoltre con  il compositore Adriano Guarnieri, con il regista Virginio Liberti, con la compagnia Gogmagog con cui tuttora collabora. Realizza numerosi spettacoli, tra cui Elettra show, Campo di carne, Babar. Attualmente è impegnata in due produzioni: Emily di Milena Costanzo e  Proteggimi di Livia Gionfrida, realizzato con i detenuti del carcere maschile la Dogaia di Prato. Dal 2009 svolge attività di formazione per bambini, adulti e disabili.

FRANCESCO PENNACCHIA Laureato in Storia del Teatro con “La reinvenzione della Commedia dell’Arte nel Novecento”; socio fondatore del Centro di Ricerca e Produzione Teatrale LaLut di Siena, fino alla fine del 2013 vi collabora come attore e regista. Dal 2000 ad oggi, attore e collaboratore nella compagnia Esecutivi per lo Spettacolo, diretta da Claudio Morganti. Dal 1999 è attore per la compagnia Katzenmacher, diretta da Alfonso Santagata e dal 2005 al 2010 per la compagnia Diablogues, diretta da Enzo Vetrano e Stefano Randisi. Dal 2015 è attore per la compagnia Fortebraccio Teatro, diretta da Roberto Latini e per altre compagnie come Gogmagog, Egum Teatro, Straligut, TeatroPersona, Gli Scarti, etc.

SAVINO PAPARELLA si forma come attore a Milano presso lo Studio-laboratorio dell’attore diretto da Raul Manso. Nel ’92 Partecipa al progetto teatrale sulla strage di Bologna Antigoni della Terra diretto da Marco Baliani. Nel ‘93 scrive e interpreta lo spettacolo Quando con Rossana Gay e Filippo Arcelloni. Nel ‘96 è interprete nello spettacolo Verdi: un maestro racconta L’Emilia ideato da La Nuova Complesso Camerata. Dal ‘99 al 2016, inizia, come attore, una collaborazione con Fondazione Pontedera Teatro. Inoltre nel 2000 lavora con il gruppo Album Zutique nello spettacolo Io sono il passante, regia di Annalisa D’Amato. Nel 2009 è attore nello spettacolo La Pelle regia di Marco Baliani. Dal 2011 ad oggi è attore negli spettacoli di Roberto Latini. Parallelamente svolge anche l’attività d’attore cinematografico partecipando a vari film e cortometraggi.

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>