EMILY 
Milena Costanzo
Spettacolo di Milena Costanzo

30-31 gen: EMILY di Milena Costanzo

by • 5 settembre 2018 • Prima PaginaComments (0)330

30-31 gennaio 2019

Milena Costanzo

EMILY

Liberamente tratto dalla vita e le opere di Emily Dickinson
regia Milena Costanzo
con Milena Costanzo, Alessandra De Santis, Rossana Gay, Alessandro Mor
assistente alla regia Chiara Senesi
costumi Elena Rossi
oggetti di scena OkkO Parma
foto Paola Codeluppi
Una produzione Fattore K, con il sostegno di Danae Festival, Olinda

Emily non vuole uscire dalla sua stanza
Emily non vuole mangiare
Emily non vuole occuparsi di pulizie o vestiti
Emily legge libri che il padre le ha proibito
Emily non vuole dormire e di notte scrive
Emily non vuole morire
Per sempre felice, per sempre giovane, per sempre immortale.

L’amore rimane un campo che percorro in lungo e in largo e dove sempre incontro me stessa. “Sei innamorata dell’amore” diceva mia madre, “La mia occupazione è amare” diceva Emily Dickinson. I mille no dell’adolescenza. Non voglio lavare i piatti. Non voglio fare le pulizie. Non voglio andare a scuola. Non voglio morire. Voglio essere immortale. Io sono immortale. L’immortalità è vivere ogni secondo il proprio presente e presuppone una rinuncia a tante e tali scocciature che il mondo non te la lascerà di certo passare liscia; come minimo verrai considerato un idiota. L’adolescenza urla i suoi silenzi. L’adolescenza preferirebbe essere altrove. E’ meglio non crescere mai.

https://trilogiadellaragione.wordpress.com/

_____________________________________________________________________________________

orario: 30 e 31 gennaio ore 20.30

prezzi: intero 15, ridotto 10

Acquista subito il tuo posto in prima fila!

viva_tr

Pin It

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>