Collettivo Controcanto_Sempre Domenica

28 nov / COLLETTIVO CONTROCANTO

by • 11 settembre 2017 • Stagione 2016-2017Comments (0)314

SEMPRE DOMENICA

drammaturgia Collettivo Controcanto
ideazione e regia Clara Sancricca
con Federico Cianciaruso, Fabio De Stefano, Riccardo Finocchio, Martina Giovanetti, Andrea Mammarella, Emanuele Pilonero
organizzazione Gianni Parrella | E45

DEBUTTO MILANESE 28 NOVEMBRE ORE 20.30

Spettacolo vincitore In-Box dal Vivo 2017

Sul palco sei voci e un intrico di vite: al microscopio la trama sottile dei moti e dei vuoti dell’animo umano.

Sempre domenica è un lavoro sul lavoro. È un lavoro sul tempo, l’energia e i sogni che il lavoro quotidianamente mangia, consuma, sottrae. Sul palco sei attori su sei sedie, che tessono insieme una trama di storie, che aprono squarci di esistenze incrociate.

Sono vite affaccendate nei quotidiani affanni, vite che si arrovellano e intanto si consumano, che a tratti si ribellano eppure poi si arrendono, perché in questo carosello di moti e fallimenti è il lavoro a suonare la melodia più forte, quella dell’ineluttabile, dell’inevitabile, del così è sempre stato e del sempre così sarà.

Sempre domenica è un coro di anime, una sinfonia di destini. Ma è – soprattutto – un canto d’amore per gli esseri umani, per il nostro starcene qui frementi eppure inchiodati, nell’immobilità di una condizione che una tenace ideologia ci fa credere da secoli non tanto la migliore, quanto l’unica – davvero? – possibile.

Biglietti 15/7 euro. Per info e prenotazioni info@pimoff.it tel. 0254102612

 

RASSEGNA STAMPA DELLO SPETTACOLO

___________________________________________________________________________________________

La Signora è fuori… a cercar parole

Sempre Domenica – novembre 2017

Il tempo passa inesorabile.
Di buon mattino un caffè, ci si dà un tono, si sistema l’umore, si cerca l’ equilibrioIMG_20171104_123900
… ci si butta fuori casa, si timbra il cartellino.
Degli affanni quotidiani: il mal di denti, un raffreddore, l’affitto, le spese, le tasse,
e bisogna anche mangiare. Il moroso o la fidanzata da amare, il capoufficio da sopportare
La segretaria da ringraziare, e fra moglie e marito……un litigio ci può anche stare.
Si corre a prendere l’autobus, si resta in coda con la macchina.
Chi va al lavoro e chi non ce l’ha.
Il lunedì è un giorno lungo da far passare, il mercoledì è nel mezzo della settimana,
è venerdì ed è fine settimana, il sabato si fanno le spese e la sera si fa festa sino a tardi
e……non toccatemi la domenica, la domenica voglio dormire, la domenica voglio alzarmi tardi,
rannicchiati nel letto si costruiscono castelli.
Un salto a prendere il giornale, il pranzo con la famiglia riunita intorno alla tavola
…e finalmente si mangia come Dio comanda!
La partita di calcio, al cinema, al bar centrale con gli amici, a cacciar quattro balle.
La sera della domenica fa già capolino il pensiero cattivo…il giorno dopo c’è quell’antipatico lunedì.

Pin It

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>