30 apr-15 mag // Ingvild Isaksen, Masako Matsushita

“Noi del Pim crediamo sia importante sostenere lo spettacolo dal vivo, non solamente nella sua forma finita, attraverso la messa in scena degli spettacoli, ma anche durante la delicata fase del processo creativo che porta al debutto. Ci piace pensare di riuscire a farlo attraverso il nostro programma di residenze, Citofonare PimOff, durante il quale il Pim si avvicina ancor di più all’idea di “casa delle arti”; un luogo in cui gli artisti possono lavorare in serenità, con il supporto di tutto lo staff e in un contesto stimolante.
In questa fase, ai fini della crescita del progetto, sono essenziali per gli artisti il confronto, il parere dell’occhio esterno, la critica costruttiva. Per questo motivo, il PimOff durante ogni residenza resterà sempre aperto a tutti coloro che vorranno osservare il processo creativo degli artisti. 
È sufficiente mandare una email a info@pimoff.it o mandarci un messaggio sui nostri canali social.
Riteniamo possa essere un’occasione interessante anche per chi verrà a trovarci”.

 

|STILL | MOVING|

di e con Ingvild Isaksen / Masako Matsushita
Luci Maria Virzì
Light advisor Roberta Faiolo
Produzione A MasIng Productions
Con il sostegno di gruppo nanou

PRIMA APERTURA AL PUBBLICO 10 MAGGIO ore 20.30

(attenzione data anticipata!)
In residenza dal 30 aprile al 15 maggio

Still moving nasce dalla necessità di raggiungere una maggiore consapevolezza del nostro modo di vivere e di scoprire nuovi metodi di interazione con la società attraverso la coreografia e la performance.

Il termine “zeitgeber” – dal tedesco “chi dà tempo” – indica un segnale ambientale che aiuta a regolare il ritmo circadiano, come ad esempio la luce, la temperatura, le interazioni sociali, l’esercizio fisico, le abitudini alimentari e l’uso di dispositivi. Come i fattori esterni,i diversi zeitgeber, contribuiscono a cambiare il nostro orologio biologico nell’umore, nei movimenti, nella comunicazione, nella digestione? Che tipo di danza si svilupperà da un lungo periodo di totale oscurità? Come ci muoviamo quanto interagiamo nella società e come cambiano i nostri movimenti quando utilizziamo dispositivi digitali?

Lo studio di A MasIng Production sul tema è iniziato a febbraio 2015, quando le due coreografe hanno sperimentato 72 ore senza dispositivi, senza luce elettrica né orologi in una cabina isolata a 40 minuti da ogni comfort e possibilità di interazione sociale. Uniche possibilità di comunicazione concesse erano la comprensione mediante lo sguardo, la scrittura su un diario e l’utilizzo della fotocamera al fine esclusivo della documentazione – chiudendo gli occhi all’utilizzo del flash -. Successivamente le coreografe si sono messe alla prova in circostanze diametralmente opposte, trascorrendo 72 ore in un seminterrato in centro città, in una situazione di comfort, ma con la presenza costante di dispositivi attivi, accendendo tutte le impostazioni di notifica e i suoni nelle app, tenendo i dispositivi costantemente in vista, osservandosi esclusivamente attraverso lo schermo dello smartphone o del laptop.

In occasione della residenza presso PimOff le coreografe condivideranno con il pubblico per la prima volta la loro ricerca.

Biglietto unico 8 euro. Info e prenotazioni a info@pimoff.it / tel. 0254102612

 

Masterclass _domenica 6 maggio ore 11-14
For Gut’s Sake. Un’opportunità di sperimentazione coreografica e teorica dei comportamenti comuni e delle abitudini legate all’utilizzo degli oggetti, in particolare digitali, nella nostra vita. Insieme alle coreografe si intraprenderà un percorso guidato di ritorno al movimento istintivo e viscerale.

Ogni partecipante è invitato a portare un oggetto di qualsiasi dimensione che influenza la propria vita quotidiana.
La masterclass è aperta a tutti. Costo 15 euro. Per info e prenotazioni info@pimoff.it / tel. 0254102612

 

BIO

Masako Matsushita è coreografa e danzatrice italo-giapponese. Consegue nel 2012 il BA (Hons) Dance Theatre al TrinityLaban Conservatoire of Music&Dance di Londra ricevendo il Simone Michelle Award in coreografia.
Ha presentato lavori d’autore e collaborazioni per festival tra cui Kilowatt Festival IT, The Erotic Cloth UK, Swallowsfeet UK, Neu/Now NL, ITS NL, Festival Ammutinamenti IT, CivitanovaDanza 2.0 IT, Sånafest  NOR, Drodesera35° Motherlode IT e 16° Quadriennale d’Arte di Roma. Masako è una delle fondatrici di 4bid Gallery Amsterdam. Come interprete ha lavorato per Matteo Fantoni, Sivan Rubinstein, Curandi Katz, Ingvild Isaksen, Cornelia Voglmayr, Janne Camille Lyester, Josiah McElheny, Matteo Fargion, Susan Sentler. Nel giugno 2017 ha debuttato il suo lavoro LAND SKAP di A MasIng Productions (Isaksen, Matsushita),  una produzione Sånafest Festival con il sostegno del progetto DE.MO./Movin’UP II sessione 2016 a cura del Ministero del Beni e delle Attività Culturali e del Turismo e di GAI – Associazione per il Circuito dei Giovani Artisti Italiani. Attualmente, oltre che al progetto Still Moving, sta lavorando alla coreografia L.I.N.E.A. per l’Accademia Nazionale di Danza a Roma ( progetto Resid’AND ) e sta portando in tour gli spettacoli  UN/DRESS,  TaikokiaT Shindō.

Ingvild Isaksen coreografa e performer norvegese. Si diploma al Trinity Laban Conservatory of Music & Dance di Londra (2012) ottenendo una laurea in Dance Theatre e la formazione in Fine Arts e Design al College di Oslo (2009). Nel 2015 riceve una borsa di studio di 3 anni dal Norwegian Art Council a sostegno della sua carriera.
Dal 2013 il lavoro People è stato presentato in 30 luoghi diversi in Europa, Stati Uniti e Asia; la sua installazione sonora interattiva Make a Move ha fatto il giro di festival in Norvegia, Italia e Regno Unito e sta attualmente sviluppando la sua performance specifica per pareti chiamata Veggimellom. Ingvild è stata interprete per i lavori di Matteo Fargion, Ina Dokmo, Clare Daly, Kosugi Daisuke, Dromedar, Aisan Hoss, Punchdrunk e Mia Habib, collabora con la coreografa Masako Matsushita come A MasIng Productions ed è regolarmente interprete di Kompani F di Oslo.

La residenza è parte del progetto Citofonare PimOff, realizzato con il contributo di Fondazione Cariplo

ML_FCARIPLO_cmyk__base_100mm

 

***english version

|STILL|MOVING| Is smartphone usage truly smart?

with Ingvild Isaksen / Masako Matsushita
Lights Maria Virzì
Light advisor Roberta Faiolo
Production A MasIng Productions
With the support of gruppo nanou

STILL|MOVING is a project investigating on how external factors (such as light and darkness, social interactions, eating and drinking patterns, use of devices) creates a change on our biological clock (in mood, movement pattern, communication, digestion of food and flow of information). This investigation started from a need of bringing awareness to our way of living now-a-days and to discover ways of interacting with this society through choreography and performance.

Tickets 8 euroInfo and reservations at info@pimoff.it / tel. 0254102612

 

Masterclass _Sunday 6 May h. 11am-2pm

with Masako Matsushita and Ingvild Isaksen

How external factors (such as light and darkness, social interactions, eating and drinking patterns, use of devices) creates a change on our biological clock (in mood, movement pattern, communication, digestion of food and flow of information)?  Which movements we use interacting each other? What happens if we use digital devices? Can devices synchronize movements?

Bring an object of any size which you think it affects your daily life.
Masterclass is open to everyone. Cost: 15 euro. Info and  registrations at info@pimoff.it tel. 0254102612

BIO

Ingvild Isaksen (N) and Masako Matsushita (IT/JP) met in London while studying at TrinityLaban conservatory of Music and Dance. Since then they have been dancing in each others choreographies and kept a close collaboration through sharing ideas on composition, choreography, visual art, dance training, interactive installations and many more. The last four years they have also functioned as artistic directors and curators for the two festivals Hangartfest(IT) and Sånafest(NO). They have joined forces as choreographers and performers to create works together as an artistic duo. Land Skap is a visual installation and performance co-produced by Sånafest Festival premiered in June 2017 supported by FFUK, Kulturrådet, Vestby local council,  DE.MO project MOVIN’UP II session 2016 promoted by Ministry of Cultural Heritage and Activities and Tourism and GAI – Association for the Circuit of the Young Italian Artists.

 

The residence is part of the project Citofonare PimOff, achieved with the contribution of Fondazione Cariplo

ML_FCARIPLO_cmyk__base_100mm

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>